Menù Principale

Segui il Gruppo Avis Mineralogia Paleontologia Scandicci anche su  Facebook

Lo squalo serpente nella campagna toscana... storie di uomini e di ritrovamenti

il 4/6/2011 20:40:00 (3494 letture)

Questo libro è un viaggio nella storia e nella vita di persone che giorno dopo giorno con passione e dedizione si impegnarono a cercare i tesori nascosti fra le pieghe di una terra chiamata Toscana.



Questo libro è un viaggio nella storia e nella vita di persone che giorno dopo giorno con passione e dedizione si impegnarono a cercare i tesori nascosti fra le pieghe di una terra chiamata Toscana.

Una terra che cinque milioni di anni fa, in un'era geologica denominata Pliocene, era molto diversa da come la conosciamo adesso: le attuali colline, oggi sporgenti tra le onde dei campi di grano come atolli tropicali, all'epoca erano sommerse dalle acque del mare tirrenico.

In questo panorama si sviluppa il racconto di Simone Casati, che di mestiere fa l'operaio alla Menarini Industrie Farmaceutiche, ma che il sabato e la domenica veste i panni di volontario delle scienze della terra.

Il protagonista, in anni di ricerche sul territorio, con l'inseparabile amico Marco Zanaga, ha garantito, nel corso degli ultimi decenni, il recupero di preziosi reperti paleontologici di enorme valore scientifico.

Simone, con il suo racconto questa volta ci presenta una scoperta sensazionale e l'impegno preso per renderla nota al mondo.

Attraverso un racconto entusiasmante, ricco di suspance e di avventura, si viaggia alla scoperta delle testimonianze lasciate tra i calanchi dagli squali preistorici vissuti nelle masse d'acqua che sovrastavano le crete senesi, quando queste erano il fondale di un mare tropicale brulicante di vita.

In particolare conosceremo la storia dello squalo serpente, una creatura abissale, e i naturalisti (in particolare Roberto Lawley 1818-1881) che negli ultimi due secoli dedicarono il loro tempo e i loro studi alla conoscenza di questa ancestrale forma di vita che ancora oggi vive nell'oscurità delle tenebre.

Storie di uomini che si sono susseguiti, intrecciando i propri destini.

Ricordi svaniti nell'oblio, che ricompaiono all'improvviso per definire chiaramente gli eventi passati.

Una lunga serie di coincidenze senza le quali nessuna certezza sarebbe stata raggiunta.

La storia si ripete attraverso i secoli, ma aggiunge nuove e straordinarie certezze destinate a lasciare un'indelebile ricordo fissato nel tempo.

Così, Simone Casati, nelle campagne toscane cattura le straordinarie creature del passato e le rende visibili in un racconto affascinante reso possibile grazie alla collaborazione con l'amico Luca Oddone e con le Istituzioni preposte alla tutela e alla valorizzazione dei Beni Culturali della Regione Toscana.

Il giorno 5 luglio 2011, nell'ambito delle Notti dell'Archeologia, promosse dalla Regione Toscana, verrà presentato il quaderno del Museo che racconta le vicende dell'ultima grande scoperta effettuata dal Gruppo Mineralogico Paleontologico di Scandicci.

Pagina Stampabile Invia questa news ad un amico Creare un PDF da questo articolo
Bookmark questo articolo a questi siti
Segnalibro a Blinklist Bookmark to del.icio.us Segnalibro per Digg Segnalibro a Fark Segnalibro a Furl Segnalibro a Newsvine Segnalibro a Reddit Bookmark to Simpy Segnala presso Spurl Segnalibro a Yahoo Segnalibro per Balatarin Segnalibro per Faceboom Segnalibro a Twitter Segnalibro per Scripstyle Segnalibro a Stumble Segnalibro per Technorati Segnalibro a Mixx Segnalibro a Myspace Segnalibro per Designfloat Segnalibro per Google Plus Segnalibro per Google Reader Segnalibro a Google Bookmarks


Vota & Cerca
Statistiche

Aggiungi ai preferiti

Login
Nome utente:

Password:

Ricorda



Recupero password

Registrati!
Ricerca Vocale
Termini Recenti
Meteo


Mappe